dove sono le dighe di campotosto

Dopo la sequenza di scosse partite dal 18 Gennaio con 4 scosse sopra la magnitudo 5 tra l’Aquila e Rieti in questi giorni non si fa che parlare delle Dighe di Campotosto, ma dove sono queste dighe?

Come potete notare dalla mappa creata da noi di Terremoti-Italia le dighe sul Lago di Campotosto sono tre e circondano l’intero Lago, in verde la Diga di Sella Pedicante, in rosso la Diga del Rio Fucino e in blu quella di Poggio Cancelli.

Il Lago di Campotosto è il più grande lago artificiale d’Abruzzo ed è il secondo invaso più grande d’Europa. E’ Situato interamente nella provincia dell’Aquila, tra i comuni di Campotosto (da cui prende il nome), Capitignano e L’Aquila, a un’altitudine di 1.313m, raggiunge una profondità massima compresa tra i 30 e i 35 metri, ha un estensione di circa 14 chilometri quadri.

Venne costruito negli anni 30 con la costruzione di tre dighe, con lo scopo di utilizzarne le acque per il funzionamento delle centrali idroelettriche site nella valle del Vomano. L’invaso è alimentato, oltre che dal già citato Rio Fucino, da due canali di gronda in corrispondenza delle estremità occidentale e orientale del lago.

Il dislivello di circa 300 metri consente l’alimentazione della centrale idroelettrica di Provvidenza posta in corrispondenza dell’omonimo lago (a sud, nel territorio comunale dell’Aquila) oltre che delle due centrali più lontane di San Giacomo e Montorio (a est, rispettivamente nei comuni di Fano Adriano e Montorio al Vomano situati in provincia di Teramo). L’energia producibile annualmente dai tre impianti idroelettrici è di circa 600 GWh.

Il Lago si trova a 10-15 chilometri a est degli epicentri delle forti scosse di mercoledì scorso 18 Gennaio 2017Sotto la diga sulla sponda est, quella di Rio Fùcino, passa una faglia sismica attiva ed è per questo che c’è molta apprensione in questi giorni. “Ipotizziamo che sia capace di generare un terremoto di magnitudo 6.5-6.6” spiega Fabrizio Galadini dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia.

Commenta tramite Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *